PROIEZIONE FILM: Frida - SALA BIANCA SABATO 17.10/19.00 - Fsbshow 10-11 marzo 2018
2018 10 marzo

PROIEZIONE FILM: Frida - SALA BIANCA SABATO 17.10/19.00

PROIEZIONE FILM: Frida - SALA BIANCA SABATO 17.10/19.00

PROIEZIONE FILM: Frida

  • ANTONIO MORINELLI
  • nato a NAPOLI il 20 maggio 1949
  • Laurea in DAMS – Cinema e televisione
  • Appassionato di cinema e teatro, nonché studioso delle tecniche di organizzazione di spettacoli ha messo a frutto le nozioni apprese allestendo manifestazioni artistiche che hanno riscosso ovunque unanimi consensi. Da oltre   trent’ anni mette in scena opera teatrali, di cui adatta i testi e cura la regia, che sono state sempre accolte dal pubblico con unanimi consensi e calorosi applausi.

    Dal 2015 collabora con il Comune di Remanzacco, quale Direttore Artistico dell’Auditorium “Giovani De Cesare”, organizzando molteplici attività socio-culturali come rassegne teatrali e cinematografiche,  cineforum e conferenze a tema

FRIDA (Usa - 2002) Regia di Julie Taymor.

Con Salma Hayek, Alfred Molina, Antonio Banderas, Valeria Golino Ashley Judd, Mia Maestro, Edward Norton, Geoffrey Rush.

Messico, anni Trenta.

Frida Kahlo è una giovane studentessa di buona famiglia, fiera delle sue origine indie, una vera forza della natura, impegnata politicamente nel movimento giovanile comunista rivoluzionario. All’improvviso la sua vita viene sconvolta da un gravissimo incidente che la costringerà, per lungo tempo, ad una immobilità forzata che ne segnerà per sempre l’esistenza, ma che parimenti le farà trovare nella poesia e nella pittura gli strumenti per esprimere se stessa con un linguaggio particolare ed unico con cui trasmettere le sue emozioni, la solitudine, il dolore costante  e  lacerante  che  la tormenta ma anche una immensa forza, dignità e amore per la vita.

Due vite parallele dunque, entrambe segnate dal suo grande amore, il pittore muralista di fama mondiale Diego Rivera: quella pubblica, in cui inneggiare sempre alla vita con allegria, eccessi e sfrenata passionalità e l’altra, quella privata, fatta di tristezza, delusioni, angoscia e soprattutto, tanta sofferenza. In alcune scene particolarmente “intriganti” della pellicola compare anche la fotografa Tina Modotti che in quel periodo frequentava i circoli bohémien di Diego Rivera